Lubiana

La leggenda parla di Giasone e gli Argonauti che, alla ricerca del Vello d’Oro, passarono nei pressi dell’attuale città e la fondarono. Qui l’eroe trovò un’enorme palude e un mostruoso drago, quest’ultimo diventato oggi il simbolo dello stemma araldico. Un sapore mitico che confà a Lubiana, capitale della Slovenia fin dalla sua Indipendenza (1991), frutto di più influenze, slava, austroungarica e italiana, che, intrecciate tra di loro, le donano un fascino indiscusso.
Non è possibile non rimanere incantati dalle sue costruzioni barocche a Art Noveau, dalle casette bianche coi tetti aguzzi o dall’imponente Castello che sembra tutt’oggi proteggerla dall’alto del colle.
Adagiata sul piccolo fiume  Ljubljanica meta di suggestive gite in battello durante il periodo estivo, Lubiana è ritenuta il cuore culturale ed economico dell’intera Slovenia.
Ci sono molte discussioni riguardo all’origine del suo nome e a noi, tra tutte le teorie, ci piace immaginare che derivi dalla parola slava Luba ossia “Amore”.
A Capodanno con le numerose performance live disseminate in tutta la città, il nuovo anno ha un sapore davvero unico, anche grazie alla sfiziosa cucina del luogo dai molteplici sapori.
Locali di ogni tipo che includono ristorazione e djset saranno stracolmi e febbricitanti nell’attesa del fatidico conto alla rovescia.
Grazie all’Università, inoltre, la vita di tutti i giorni è caratterizzata da un frizzante clima giovanile.
E quando starà per giungere il 2018, ricordatevi di correre in Piazza  Kongresni trg, la vera e propria anima della Festa.
Buon divertimento!